PASOLINI

 

Ho scelto subito Pasolini. Perché racconta Roma, e perchè dà voce alle periferie. Per noi, che abitiamo in centro, esse sono luoghi sconosciuti da cui tenersi alla larga, perché pieni di pericoli e di violenza, così difficili da comprendere o almeno conoscere. Sono l’altra faccia della città. L’oltre, per noi che abbiamo bisogno  di una geografia chiara, ben organizzata e prevedibile. Lì abita una umanità che parla altri linguaggi e che si avventura nei territori nostri solo per un passaggio veloce, notturno…oppure per lavoro, o per farsi belli con la fidanzata quando torna primavera e si hanno pochi spiccioli in tasca.

Conosco qualcosa delle periferie delle grandi città. Potrei raccontare tante storie. Da qualche tempo mi sono avventurata di nuovo: San Basilio, Tor Pignattara, il Quadraro, il Pigneto, Tiburtino Terzo, Pietralata…attraverso i graffiti e i murales della Street Art cerco le tracce della memoria di quei luoghi e della loro attuale trasformazione.

Con l’acquerello poi entro in un contatto più personale, rielaborando le immagini dei miei appunti, costruendo la storia che racconta di quel luogo e anche di me, del nostro incontro.

Avevo letto Pasolini tanti anni fa. Ho dunque ripreso in mano “Una vita violenta”. Subito mi è venuto incontro un mio acquerello di due anni fa, “Verso casa…”. L’ho scelto, per questa mostra speciale dedicata all’incontro tra arte e letteratura, quasi fosse una illustrazione del libro che stavo sfogliando. In particolare mi è risuonata una frase, quasi nascosta tra le tante pagine: ” Roma era tutta gocciolante…cadeva giù un’acqua così fitta e leggera che si scioglieva prima di arrivare sul selciato“.

 

Verso casa... -acquerello-2015- cm46x36

 

Una donna torna a casa col suo bambino. Piove e già la giornata sta scivolando nella sera. In fondo un muro importante. E’ quello del Circolo delle Bocce e definisce il Quadraro e Tor Pignattara. Un muro di confine che, con il Circolo e l’ampio spazio antistante, unisce le due borgate. Su quel muro qualcuno ha dipinto la storia delle lotte per la casa, per i servizi, per il quartiere. Uno per uno sono stati ritratti tutti i leader di quei movimenti di lotta…arte popolare, semplice, non c’è la mano di nessun writer di professione.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>